I Presidenti Americani ed il movimento libertario

ronald reagan, uno dei fondatori morali del movimento libertario

Molti presidenti lungo il corso della storia statunitense hanno ispirato quello che oggi è il movimento libertario, eccone alcuni:

RONALD REAGAN

Reagan ha spesso affermato che “il cuore e l’anima” del conservatorismo è il libertarismo. Molti delle sue attività per ridurre l’interventismo governativo furono ostacolati dal Congresso e persino dai membri del suo stesso partito. Tuttavia Reagan combatté duramente per diminuire il perimetro statale, fino all’ultimo giorno del suo secondo mandato.

GEORGE WASHINGTON

Il padre degli Stati Uniti d’America, George Washington, è stato l’esempio per tutti i presidenti successivi. Si rifiutò sempre di essere nominato Re e si dimise dopo il suo secondo mandato, nonostante le insistenze di molti sostenitori.

MARTIN VAN BUREN

Sostenne l’idea di dazi più bassi e difese allo strenuo il libero scambio. Durante il Panico del 1837 (forte depressione economica), introdusse di politiche di libero mercato.

THOMAS JEFFERSON

Jefferson è considerato uno dei fondatori del movimento libertario moderno

Considerato il fondatore del libertarismo moderno ed autore della dichiarazione d’indipendenza, Jefferson fece tutto il possibile per attuare politiche a favore della libertà una volta diventato presidente. Vietò la schiavitù nel territorio del nord-ovest e proibì il commercio internazionale degli schiavi nel 1807.

JAMES MADISON

Il padre della Costituzione continuò lungo la strada ereditata dal suo predecessore Jefferson. Grazie alle politiche economiche di successo di Jefferson, Madison ereditò un surplus di bilancio e optò per ridurre le tasse. 

GROVER CLEVELAND

L’unico presidente ad aver governato in due mandati non consecutivi, Cleveland fu uno dei pochi democratici favorevoli allo stato minimo, cavallo di battaglia di quello che sarà il movimento libertario. Dopo la sua elezione, combatté duramente contro lo Spoil System e ha inoltre ridotto il numero di lavoratori governativi

CALVIN COOLIDGE

Venne eletto nel 1923 e prestò servizio per quasi sei anni alla Casa Bianca. Ridusse sostanzialmente le tasse in almeno tre occasioni e inserì attori del laissez-faire presso agenzie governative come la Federal Trade Commission e la Interstate Commerce Commission. Il debito federale venne ridotto di un quarto dopo un’epoca che aveva visto crescere i governi statali e locali in modo esponenziale.

Condividi su

Share on facebook
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rimani aggiornato sui contenuti

Iscriviti alla nostra Newsletter

Altri articoli